Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di ilpozzodelleinformazioni
  • Blog di ilpozzodelleinformazioni
  • : il mio blog vuole essere un sito di scambio di informazioni, è aperto a tutte quelle che persone che vogliono confrontarsi. Amo scrivere qualsiasi argomento catturi la mia attenzione in un preciso momento. Gli argomenti possono essere i più vasti, dall'economia alle ricette. Insomma un blog un pò pazzerello
  • Contatti

Profilo

  • ilpozzodelleinformazioni
  • Ciao a tutti, sono una mamma di due ragazzi oramai grandi,. Amante degli animali, della giustizia.
Mi definisco una persona molto curiosa, non ho degli hobby precisi,  amo leggere, scrivere, giocare al p.c., dipingere, tutto questo dopo una giornata
  • Ciao a tutti, sono una mamma di due ragazzi oramai grandi,. Amante degli animali, della giustizia. Mi definisco una persona molto curiosa, non ho degli hobby precisi, amo leggere, scrivere, giocare al p.c., dipingere, tutto questo dopo una giornata

Cerca

20 luglio 2011 3 20 /07 /luglio /2011 09:34

Installare una piscina nel nostro giardino non richiede più degli scavi, possiamo abbellire il nostro spazio all'aperto creando un'oasi nel verde, installando una piscina in legno fuori terra, che lo renderà un vero paradiso di relax nelle giornate estive.

Tipologia della piscina in legno

Le piscine in legno appartengono alla tipologia delle piscine fuori terra, poiché non richiedono scavi nel terreno, pratiche da installare. Per installare una piscina fuori terra in legno, bisogna innanzitutto individuare l’area dove collocarla, spianare la stessa liberandola da sassi ed eventuali radici, e livellare molto bene il terreno.

Ma vediamo come sono composte queste piscine. La loro vasca interna è costituita da pareti in acciaio galvanizzato, proprio per proteggere la stessa dalla ruggine, mentre le parti esterne, colonne portanti e rivestimento sono in legno di pino trattato, in grado di assicurare una lunga durata nel tempo. Come tutte le altre piscine, anche quelle in legno necessitano di un sistema filtrante per l’acqua. Hanno in dotazione una scaletta esterna, che può essere fissata al terreno, per permettere l’entrata in acqua dei bagnanti; anche questa scaletta solitamente è in legno di pino. Possiamo trovare queste piscine in varie forme, tonde, rettangolari, esagonali, in grado di soddisfare ogni esigenza.

Per poter avere una piscina sempre in ottime condizione, è indispensabile una buona manutenzione, specialmente per le piscine in legno. Oltre alle normali manutenzioni del gruppo di filtraggio e il trattamento del cloro, queste piscine necessitano una manutenzione costante al legno.

Fai da te, e sicurezza

Ci sono case costruttrici di piscine in legno che propongono anche la vendita fai da te, tra queste la ditta Zauner.

Ogni piscina viene consegnata al cliente completa di accessori e accompagnata da un libretto di istruzioni per poter procedere in autonomia all’installazione della stessa.

Il Ceppo è un'azienda che si occupa da anni della realizzazione di piscine, sul suo sito è possibile visitare il catalogo accompagnato da un'ampia descrizione di ogni singola piscina. Se cerchiamo accessori per la nostra piscina, è bene consultare il sito Piscinaonline.it, dove possiamo reperire non solo piscine in legno, ma anche materiali per il perfetto funzionamento della piscina. Interessanti sono i dispositivi di sicurezza a norma CEE, che ci garantiranno una maggior sicurezza dei bambini e degli ospiti della nostra piscina. Interessante è il rilevatore di caduta, che tramite un tubo inserito nella piscina, capta l’onda che crea un corpo che cade nell’acqua.

Kiddie Pool
Repost 0
18 giugno 2011 6 18 /06 /giugno /2011 09:38

Le tillandisie, sono piante originarie dell’America centrale, vi sono ben cinquecento specie, appartengono alla famiglia delle bromeliaceae, tutte completamente diverse da loro, sono piante che si adattano a qualsiasi ambiente, vengono definite anche piante curiose, proprio per la loro particolarità, di non essere invasate, difatti per crescere hanno bisogno solo di appoggio, basta un semplice tronco, una staccionata.

Le tillandsie sono piante ornamentali che non necessitano né di terra né di acqua, in quanto grazie alla loro struttura dotata di particolari organi detti tricomi, sono in grado di assorbire direttamente dall’aria tutti gli elementi utili alla loro sopravvivenza. Possono essere posizionate sia in casa che nei giardini, facendo attenzione alla temperatura dell’ambiente, difatti è una pianta che non ama temperature troppo rigide, l’ideale sarebbe una temperatura non inferiore ai 15°, solo in presenza di temperature eccessivamente elevate necessita di essere nebulizzata. Un’altra particolarità di queste piante, è la capacità di purificare l’aria dell’ambiente in cui risiede, da uno studio condotto dall’ Università di Bologna, è stato dimostrato che la Tillandsia è in grado di catturare nei propri tessuti, quantità notevoli di sostanze inquinanti, ed è per questo motivo viene definita una pianta purificatrice dell’aria. Nel periodo ottobre-aprile, entrano in un letargo vegetativo, per cui non necessitano di alcun trattamento, potrebbero sembrare delle piante morte, ma al risveglio torneranno raggianti come prima. Vanno concimate nel mese di maggio, esclusivamente quelle che risiedono negli appartamenti, usando concime per orchidee misto ad acqua, e nebulizzando tutta la pianta almeno ogni quindici giorni per un periodo di due mesi. Alcune specie,hanno un infiorescenza molto colorata, anche se poi effettivamente il fiore non dura molto, ma solo alcuni giorni, le forme e i colori dei fiori dipendono dalla specie. Dopo la caduta dei fiori per alcune settimane possiamo ammirarne ancora il colore grazie alle brattee, cioè la foglia che ha accompagnato la nascita del fiore, che ne ha assunto lo stesso colore.

Sono piante che non necessitano di potatura, bisogna solo avere l'accortezza di eliminare le foglie secche, senza strapparle ma usando semplicemente una forbice da giardiniere, praticando un taglio netto della foglia, in questo modo eviteremo che si formino dei parassiti che possono essere nocivi per la pianta stessa.

Tillandsia ionanthaTillandsia mauryana
Repost 0